Pensiero di Joseph Ratzinger sulla musica liturgica

min 2“[…] è divenuto sempre più percepibile il pauroso impoverimento che si manifesta dove si scaccia la bellezza e ci si assoggetta solo all’utile. L’esperienza ha mostrato come il ripiegamento sull’unica categoria del “comprensibile a tutti” non ha reso le liturgie davvero più comprensibili, più aperte, ma solo più povere. Liturgia ” semplice ” non significa misera o a buon mercato: c’è la semplicità che viene dal banale e quella che deriva dalla ricchezza spirituale, culturale, storica”. “Anche qui continua – si è messa da parte la grande musica della Chiesa in nome della” partecipazione attiva “: ma questa ” partecipazione ” non può forse significare anche il percepire con lo spirito, con i sensi? Non c’è proprio nulla di ” attivo ” nell’ascoltare, nell’intuire, nel commuoversi? Non c’è qui un rimpicciolire l’uomo, un ridurlo alla sola espressione orale, proprio quando sappiamo che ciò che vi è in noi di razionalmente cosciente ed emerge alla superficie è soltanto la punta di un iceberg rispetto a ciò che è la nostra totalità? Chiedersi questo non significa certo opporsi allo sforzo per far cantare tutto il popolo, opporsi alla ” musica d’uso “: significa opporsi a un esclusivismo (solo quella musica) che non è giustificato né dal Concilio né dalle necessità pastorali”. Questo discorso sulla musica sacra – intesa anche come simbolo di presenza della bellezza ” gratuita ” nella Chiesa – sta particolarmente a cuore a Joseph Ratzinger che vi ha dedicato pagine vibranti: “Una Chiesa che si riduca solo a fare della musica ” corrente ” cade nell’inetto e diviene essa stessa inetta. La Chiesa ha il dovere di essere anche ” città della gloria “, luogo dove sono raccolte e portate all’orecchio di Dio le voci più profonde dell’umanità. La Chiesa non può appagarsi del solo ordinario, del solo usuale: deve ridestare la voce del Cosmo, glorificando il Creatore e svelando al Cosmo stesso la sua magnificenza, rendendolo bello, abitabile, umano”. (tratto dal cap. IX del volume “Rapporto sulla fede. Vittorio Messori a colloquio con Joseph Ratzinger”, 1985, edizioni San Paolo;)
X
X