Una esperienza corale

unoQuando il coro canta (bene), aiuta i fratelli a cogliere la bellezza della fede e dell’amore di Dio

Con queste parole il Cardinale Vicario Agostino Vallini, salutava i partecipanti al Convegno-Pellegrinaggio “CANTARE LA FEDE – Musica a servizio della Liturgia e dell’Evangelizzazione”

tenutosi a Roma a fine settembre, a 50 anni della Costituzione Conciliare “Sacrosantum Concilium” e nel 30° anniversario di fondazione del Coro della Diocesi di Roma, che per dare inizio ai lavori cantavano all’unisono il “Veni Creator Spiritus”.

Alla scoperta dell’armonia con la musica

10300220_771716942860603_1539307645499032543_nTra tutte le arti, la musica è la più lieve, aerea, inconsistente. Non si tocca, non si vede, non si può contenere o imprigionare, ma la si ascolta, facendola entrare nel cuore e nella mente, facendoci toccare e coinvolgere da essa in un’esperienza totale e nello stesso tempo astratta.

Cantare con il cuore

miniatura«Cosa avviene nel cuore del singolo monaco durante la statio, quella silenziosa preparazione alla preghiera? Forse fa degli esercizi mentali per essere più concentrato? Al contrario! Egli, per essere più attento, si distende spiritualmente, cioè si rilassa. La vera concentrazione consiste, infatti, nel rilassarsi. Il cantore che vuole prepararsi ad una celebrazione liturgica, e che, invece di farsi venire crampi mentali, si rilassa, scopre l’immediata presenza del Signore, è rilassato nel Signore e ha il cuore in pace. Ora la liturgia può iniziare.

Pensiero di Joseph Ratzinger sulla musica liturgica

min 2“[…] è divenuto sempre più percepibile il pauroso impoverimento che si manifesta dove si scaccia la bellezza e ci si assoggetta solo all’utile. L’esperienza ha mostrato come il ripiegamento sull’unica categoria del “comprensibile a tutti” non ha reso le liturgie davvero più comprensibili, più aperte, ma solo più povere. Liturgia ” semplice ” non significa misera o a buon mercato: c’è la semplicità che viene dal banale e quella che deriva dalla ricchezza spirituale, culturale, storica”.
X
X