Un cuore solo e un’anima sola

L’incontro con gli Animatori delle sezioni di canto è iniziato con il brano “Un cuor solo” e meditando questo bellissimo passo degli Atti degli Apostoli.

Quale miglior premessa per parlare di noi coristi, delle relazioni tra i membri del gruppo, della nostra motivazione a farne parte e del senso di appartenenza che sentiamo rispetto al Coro.

Veglia per la pace

vegliaE’ possibile scaricare il testo della Veglia per la pace in Siria e nel mondo intero, proposta dal Coro venerdì 20 aprile 2018 presso la chiesa Sacro Cuore di Cuneo.
 

Concerto Coro della Diocesi di Roma

Concerto del Coro della Diocesi di Roma diretto dal M° Mons. Marco Frisina.

coro-diocesi-romaSabato 1 aprile 2017 alle ore 20.30 presso la chiesa Cattedrale di Cuneo avrà luogo il Concerto del Coro della Diocesi di Roma, diretto dal Maestro Mons. Marco Frisina, che per l’occasione eseguirà in prima assoluta l’Inno a San Michele Arcangelo, patrono della nostra Diocesi. Al Coro della Diocesi di Roma si unirà il Coro Interparrocchiale Pacem in Terris di Cuneo e l’Orchestra Bartolomeo Bruni della Città di Cuneo.

La storia del nostro Coro

Schermata 2017-02-24 alle 14.47.03

IL CANTO COME MOMENTO DI EVANGELIZZAZIONE

Articolo del 23 febbraio 2016

Il coro interparrocchiale “Pacem in Terris” anima da sei anni diversi momenti di preghiera dentro e fuori diocesi. In questo periodo si sta preparando all’evento che il 1 aprile porterà a Cuneo il Coro della Diocesi di Roma, diretto da mons. Marco Frisina, nella chiesa cattedrale di Cuneo. Un momento di grande gioia per il coro che nasce, nel settembre del 2010, sulla scia del Coro della Diocesi di Roma, dal desiderio di venti coristi di annunciare e vivere la fede attraverso il canto.

La bellezza di essere Chiesa

famigliaSiate voi stessi quella lode che si deve cantare

Siamo entrati nel secondo centenario della nostra Diocesi di Cuneo. E’ un evento di grazia che segue quello appena vissuto dell’anno della misericordia. E’ un tempo che il Signore ci dona per crescere nella consapevolezza e nella gratitudine per il nostro appartenere alla Chiesa. Forse tutti noi riflettiamo e ringraziamo ancora poco della bellezza del nostro essere cristiani, accolti e fatti crescere nella comunità ecclesiale fin dai primi giorni di vita! Basta spostare lo sguardo un po’ oltre i nostri confini europei e subito ci rendiamo conto cosa significhi in questo momento per i cristiani della Siria o dell’Iraq – solo per citarne alcuni -professare la fede. Con quale fierezza testimoniano il loro appartenere a Cristo ed a quale prezzo sono disposti a farlo!

X
X